Essere online fa crescere la tua azienda: 10 Motivi

Raggiunto oramai il 2020, essere online è diventato quasi una necessità: uno momento di sfogo, creatività o relax per alcuni, una piattaforma di condivisione e lavoro per altri, un’enorme opportunità per le aziende.  

Soffermandoci infatti su quello che è l’emisfero aziendale, non essere presenti online è una decisione che nella stragrande maggioranza dei casi può essere giudicata folle, senza riguardo, e che può avere ragione e successo solo con un’attenta e profonda analisi strategica alle spalle.  

È sempre vero che in un’economia ideale a parità di prezzo vincerà la qualità più alta, e che viceversa, a parità di qualità vincerà il prezzo più basso, ma per poter essere così, e poter esserci paragone, il cliente deve conoscerti!  

Molti hanno già compreso il potenziale dei social, o più in generale dell’online, ed hanno iniziato ad utilizzarlo e perfezionarlo per la propria attività. Altri invece lo ancora ignorano, pensandolo come optional, come un Arbre Magique in auto, nonostante siano molte volte i primi ad utilizzarlo nel privato, ma continuandolo ad ignorare a livello business.  

Ecco così che vorrei proporre una raccolta di 10 buoni motivi, al fine di far comprendere perché è importante essere “su internet” e in che modo questo può dare dei risultati. Oltre alla classica descrizione, li vedremo tutti anche dal punto di vista di Mario, pizzaiolo di 32 anni, che fino a ieri ignorava del tutto le potenzialità dell’online ma che, a causa di problemi con le vendite, si trova ora ad esplorare.  

1) Per poter venire, ho bisogni di trovarti

Navigatore

Se la pizzeria di fianco quella di Mario è sempre piena di clienti, non necessariamente sarà la stessa a fare la pizza più buona.  

Ogni sera, gli studenti dell’università di quartiere, scelgono in che locale andare a mangiare. Alcuni di loro preferiranno sicuramente la pizza, ed ecco che digitando su Google “pizzerie dei dintorni” inizieranno a scegliere tra tutte quelle comparse in lista.  

Mario non ha registrato la sua Pizzeria né su Facebook, né tantomeno su Google. Capiamo bene che il suo problema non è quindi la qualità della pizza, ma il locale che è invisibile agli occhi degli altri.  

2) Raccontaci la tua Storia

Macchina da scrivere

I ristoranti sembrano tutti così simili, così sostituibili, eppure, se c’è una cosa che li differenzia più di tutto, quello è la loro Storia.  

Mario non è solo un pizzaiolo, è anche un volontario. Tutte le sere, dopo aver chiuso il locale, porta i pezzi non mangiati dai clienti ai cani randagi della sua zona. Ciò che lo fa stare bene, è il sorriso negli occhi di tutti quei cuccioli che riesce ogni volta a sfamare con della gustosa Pizza.  

È ovvio che conoscendo questa storia, si riesce a guardare al cuore del locale e lo si “comprende” molto più rispetto ad una insegna o un menù.  

Oltre ad essere unica, una storia condivisa con i clienti crea legami ancora più forti, suscitando nei clienti il desiderio di mangiare quella pizza non soltanto per gusto, ma anche per sostenere indirettamente una causa.  

3) Parlare ai clienti

Microfono

I Social mettono in contatto diretto aziende e clienti: se hai qualcosa da dire, chi ti segue sa dove ascoltarti, se hanno loro qualcosa da dire, sanno dove contattarti e farsi sentire.  

Per festeggiare il cliente numero 1.000, Mario ha deciso di fare una festa nel suo locale e di offrire la pizza a metà prezzo a tutti i suoi clienti. Il problema è ora farlo sapere a tutti. Mario non ha un canale diretto con la clientela, ma solo con i più stretti, e l’unico mezzo al quale può affidarsi è il passaparola.  

Siamo però nell’era digitale, e possiamo dire che anche un semplice post su Facebook, visibile a tutti i suoi clienti, sarebbe stato molto più efficace di un passaparola tra pochi.  

4) Capire cosa piace al cliente

Smartphone con post-it

I social sono il luogo in cui le persone dichiarano e condividono i loro interessi. Se cavalcato nel giusto modo, questo è un potente un cavallo di battaglia dal lato aziendale.  

Mario vorrebbe aggiungere altre due nuove pizze al Menù ma non sa, tra le 9 pensate, quali potrebbero piacere più ai clienti. Quello che sa è che fare un sondaggio in loco, cliente dopo cliente, potrebbe rivelarsi non solo scomodo ma anche sfiancante.  

Per l’ennesima volta, i social la giusta soluzione per Mario. Infatti, pubblicando le foto di ogni singola piazza inventata, potrà chiedere ai clienti quale sia di loro interesse, facendole votare attraverso semplici like, ed aggiungendole così al vecchio menù.  

5) Presentarsi a chi non ti conosce

punto di domanda

Quanti guarderebbero un film senza essersi precedentemente assicurati, attraverso il trailer, che questo possa piacere rispetto ai propri gusti? Anche l’online, come un trailer, funge da giusta “vetrina” per tua attività. 

Oltre la tua storia, che è al primo posto, anche il menù, lo staff, il locale in sé, sono fattori distintivi e potrebbero rappresentare la ragione per cui alcuni clienti scelgono te. Prendiamo l’esempio di Claudio, potenziale cliente, che questa sera ha deciso di mangiare una pizza fuori con la propria ragazza, la quale è disposta ad uscire esclusivamente se nel locale dove si andrà sono serviti dei supplì al pistacchio come antipasto.  

Ecco che la pizzeria di Mario ha una nuova chance di essere scelta, preparando lui stesso quei supplì, se non fosse che il locale non gode di alcun posizionamento online, e Claudio, nel cercare su Google “pizzerie e supplì al pistacchio nei dintorni”, non avrà alcuna possibilità di venirne a conoscenza.  

Una chiara e limpida opportunità, persa neanche alla partenza.  

6) Farsi notare dai turisti

Seduta su una valigia

Dopo esseri recato in un posto nuovo, ed aver visitato tutte le attrazioni, ogni turista vuole assaggiare le specialità del posto. Ecco così una nuova opportunità per catturare l’attenzione di un nuovo cliente e portarlo in pizzeria.  

Il locale di Mario si trova in Abruzzo, terra famosa per gli arrosticini, uno dei motivi per cui è stato deciso di aggiungerli all’offerta della pizzeria.  

I turisti, non essendo del luogo, andranno probabilmente su Google, scriveranno “specialità Abruzzo” e subito avranno una lista di locali in zona che cucinano arrosticini. Mentre Mario, che oltre a cuocerli li produce in modo artigianale, non apparirà nemmeno trai locali poiché, come visto prima, non ha alcun posizionamento online. Ecco così che neanche chi ricerca specificatamente qualcosa che solo Mario serve, riesce a raggiungere la famosa pizzeria. 

7) Andare oltre i propri confini

Pizza in cartone

In tempi così avanzati, dove spedire merce è molto semplice, avere un e-commerce o offrire spedizioni a domicilio rappresenta un’ottima strategia di crescita per la propria attività.  

Mario avrebbe infatti la possibilità di offrire le sue pizze anche a domicilio, avendo un furgone tutto dedicato, ma non lo fa poiché a conoscere questo servizio sono solo i clienti più affezionati, e molte volte il ricavato non basta nemmeno a coprire il costo del carburante.  

In questo caso, avere un profilo Facebook, Instagram e una forte presenza su Google, aiuterebbe moltissimo a far conoscere questo servizio a tutte le persone nei dintorni, consentendo addirittura a queste di prenotare comodamente in piattaforma o di avere il numero del locale sempre a disposizione.  

8) Raccogliere feedback e recensioni

Fumetti

Sappiamo quanto sia grande la forza del passaparola, soprattutto quando un consiglio proviene da un amico.  

L’online infatti è il posto giusto per ricevere feedback e recensioni dai clienti in quanto, essendo visibili a tutti, consentono a potenziali clienti di avere la riprova sociale della validità del locale.  

Andare nella pizzeria di Mario, senza sapere nulla, sarebbe un perfetto azzardo, soprattutto per un primo appuntamento. Trovare invece online il locale, e vedere che altre centinaia di persone sono state li e si sono trovate bene, sicuramente rafforzerebbe le aspettative di un potenziale cliente incoraggiandolo ad andare.  

9) Raggiungere la giusta clientela

pezzo mancante di puzzle

Ogni mercato, ogni locale, ha il suo segmento, la sua nicchia, la sua clientela. Importante è saper raggiungere le giuste persone, così da presentarsi a potenziali interessati ed aumentare le probabilità di essere “scelti”.  

In ricordo del nonno, Mario ha deciso di servire esclusivamente pizza con lumache di mare, il prossimo sabato. Non tutti amano le lumache di mare, e trovare chi vorrebbe addirittura mangiarle sulla pizza non è effettivamente cosa facile.  

Questo è un altro dei casi in cui l’online fa davvero la differenza. Per evitare infatti che la serata sia un flop, Mario ha la possibilità, una volta creata una pagina, di pubblicizzare l’evento solo a chi ama le lumache di mare, utilizzano il proprio budget in modo mirato, spendendo meno e avendo molte più possibilità di riempire il locale.  

10) Comunicare tempestivamente notizie straordinarie

cartello con scritto "siamo chiusi"

Un portale in cui è possibile mettersi in contato con tutti in maniera immediata è un’ottima risorsa per cullare la propria clientela ed avvisarla di eventi straordinari. 

A tutti può capitare un imprevisto. Se Mario avrà necessità di chiudere in un giorno di lavoro, potrà farlo senza procurare danno a nessuno, scrivendolo sui social ed evitando così un viaggio a vuoto a chi verrebbe a trovarlo da lontano. O ancora, un portale del genere è utile a Mario per invitare, avvisare e ricordare ai clienti che, in determinate date, ci saranno eventi speciali ai quali partecipare.  

Mac portatile aperto su scrivania

Questi sono solo dieci di una valanga di altre possibilità che un locale con una buona presenza online ha rispetto chi ignora questa opportunità. Una volta infatti scoperto ed iniziato ad utilizzare gli strumenti di questo mondo, lavorando bene, si innescheranno tante di quelle interazioni, conversazioni, passaparola, ecc., che renderanno il locale un desiderio per molti clienti, facendoli aumentare sia di numero che in soddisfazione.  

Molte persone ci hanno creduto, ed hanno reso così grande la loro azienda: raccontando la loro storia e sedendosi di fianco ai desideri dei clienti. Tutto sfruttando l’enorme aiuto offerto dall’online.  

Noi di ideoweb ci preoccupiamo ogni giorno di migliorare le performance dei nostri clienti, attraverso il coinvolgimento e la cura dei loro acquirenti. Un vero passo avanti è dove nessuno perde. Aiutiamo così molte aziende a crescere, presentarsi al loro pubblico e a diventare come l’imprenditore le ha sempre sognate.  

E tu?  

Com’è la tua presenza online?  

Manuel ideobit

Riguardo l'autore

Manuel Di Febbo, CEO e CoFounder di ideobit e ideoweb.  

Appassionato Gamer ed instancabile filosofo. Affascinato dalle pubblicità già da piccolino, col tempo ho imparato ad analizzarle e a capire che il marketing non è solo “sponsorizzare” ma Ascolto, Comunicazione e molto altro. Una vera e propria arte di esprimere se stessi!